Category Archives: Politica Internazionale

L’accordo in Libia per la formazione di un governo di unità nazionale.

  http://www.tpi.it/mondo/libia/cosa-succede-in-libia   In seguito alla caduta del regime di Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia è precipitata nel caos. Si è assistito alla ricomparsa delle rivalità tribali, a cui si sono aggiunte le forze del terrorismo islamico. La situazione ha assunto maggiore gravità nell’estate del 2014, quando si è avuta la formazione di due …

Read more

La « questione catalana » si riaccende dopo le elezioni.

FOTO: http://www.investireoggi.it/media/image/?id=ZGVhAwZ0ZwxgMzyfMKZiZwNkAF8jBF9wLKEuoT9aozRgMJkyrzyiozxgp2IwMKAmnJ9hMF02AwO4AQRmYzcjMJp._   Alla elezioni del 27 settembre in Catalogna i partiti favorevoli all’indipendenza sono riusciti ad ottenere la maggioranza dei seggi al Parlamento regionale (72 seggi su 135), sebbene non abbiano vinto in termini di consenso; infatti i separatisti non hanno ottenuto la maggioranza dei voti, facendo pensare che non sia presente nella regione …

Read more

Il sostegno militare della Russia al regime di Damasco.

http://www.youthunitedpress.com/wp-content/uploads/2014/04/syria-apotheosis-of-barbarism1.jpg   Dalla scoppio della crisi in Siria, la Russia ha sostenuto il regime alawita di Bashar al-Assad sia sul piano diplomatico, ad esempio ponendo il veto alle risoluzioni di condanna da parte del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, che attraverso la fornitura di armi e sistemi difensivi. Il sostegno russo si spiega in ragione dell’importanza …

Read more

US policy and status in world affairs: change and continuity, from the Bush legacy to Obama’s posture.

Images: http://www.sodahead.com/living/the-flag-is-gone-have-you-noticed/question-2565217/?link=ibaf&q=&esrc=s http://blogs.reuters.com/great-debate/2013/07/25/obamas-plan-one-nation-under-government/   United States is now redefining its strategy due to the changes that have been occurring in the international system. The new geopolitical context is characterized by the affirmation on the world stage of the emerging economies, notably China, India, Russia and Brazil. Furthermore, countries like Germany and Turkey are rediscovering their …

Read more

Un despota per il rilancio della Russia.

Il collasso dell’URSS La fine del confronto bipolare ha segnato l’inizio di un processo che è culminato con la disgregazione dell’Unione Sovietica. Tale evento ha determinato una serie di conseguenze sia sul piano interno che in su quello esterno e molti analisti si stanno interrogando circa il futuro della nuova Federazione Russa, succeduta all’URSS, e …

Read more

La crisi siriana nel contesto regionale e le sue ripercussioni sul piano internazionale.

http://www1.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/In-Siria-pesano-la-crisi-del-petrolio-e-la-carenza-delle-risorse-idriche_311839510454.html Le ragioni della protesta e il quadro politico interno. Nel 2011 la Primavera araba raggiunse la Siria innescando le proteste degli oppositori del regime del Presidente Bashar al-Assad. Questi rappresenta la minoranza alawita del Paese, che governa il Paese dagli anni ‘70, quando il padre dell’attuale Presidente, Hafez al-Assad , assunse il potere è …

Read more

I motivi delle tensioni in Ucraina e le ragioni dell’intromissione russa.

http://giornalesm.com/ucraina-stampa-russa-2000-soldati-mosca-morti-conflitto-scontri-nel-donbass-7-vittime/   La recente crisi in Ucraina trae origine dalla decisione presa dal Presidente Yanukovich lo scorso novembre di bloccare i negoziati per l’Accordo di associazione e per l’Accordo di libero scambio con l’Unione Europea rientranti nel quadro della Eastern Partnership. A ciò si aggiunse la decisione del Parlamento ucraino di respingere una serie di …

Read more

La Transnistria e gli effetti della crisi ucraina.

La Transnistria è una stretta striscia di terra situata tra il fiume Nistro e il confine orientale della Moldavia formata da una popolazione di circa 500mila abitanti, in maggioranza slava. Nel 1990, la Transnistria dichiarò la propria indipendenza dal resto della Repubblica di Moldavia. Quest’ultima, al contrario della Transnistria, era intenzionata a separarsi dall’Unione Sovietica. …

Read more

La “diplomazia della preghiera” per la pace tra israeliani e palestinesi.

http://www.repubblica.it/esteri/2014/06/08/news/papa_francesco-pentecoste_medio-oriente-88378615/ In occasione della sua visita in Terra Santa, svoltasi il 24-26 maggio scorso, Papa Francesco aveva invitato il Presidente israeliano Shimon Peres e quello dell’Autorità Nazionale Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) a pregare insieme per la pace. Affinché ciò potesse accadere, il Papa aveva affermato di voler mettere a disposizione il Vaticano per lo …

Read more

L’accordo di riconciliazione tra l’OLP e Hamas.

http://time.com/73708/hamas-fatah-palestine-agreement-israel/ Il territorio palestinese è attualmente diviso in due parti, la West Bank, il territorio governato dall’Autorità Nazionale Palestinese (ANP), e la Striscia di Gaza, controllata dal gruppo islamico Hamas. L’ANP è guidata dall’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP), costituita da una serie di formazioni capeggiate dal gruppo Fatah del Presidente Mahmoud Abbas. I …

Read more

error

Condivisione Social

error: Content is protected !!